L’isolamento del virus SARS-Cov-2 in colture cellulari

Dopo la sua individuazione tramite Polymerase Chain Reaction nel tampone naso-faringeo o nel lavaggio bronchiolo-alveolare, il virus SARS-Cov-2 può avere una variabile capacità infettante, misurabile, insieme ad altri dati biologico-clinici, attraverso l’isolamento in colture cellulari. La Dottoressa Laura Di Sante, dell’Università Politecnica delle Marche, ne illustra la tecnica di isolamento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *